Let's Blog!

Visitatori Totali

dal 01.Gen.2007
Data: 26.Aug.2019
Visitatori: 121.495.664

Chi è online

unfilodi su ravelry

Calcolatori Knitting Online

Lucia Liljegren
Knitting Calculators by Lucia Liljegren

Knitting Daily
Waist Shaping by Knitting Daily

RubaBottoni

rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
vintage-blogs
Appuntamento al Knit Café [Gioia & Co] PDF Stampa E-mail
Maglia Stampata
Scritto da Maria Luisa   
martedì 17 luglio 2007

stampa_gioiaAppuntamento al Knit Café

Lifestyle
di Isabella Lechi
Gioia & Co
- 24.03.07


Torna la voglia di tricot. E fa subito tendenza. Le star sferruzzano, le ragazze si incontrano in atelier e bistrot per usare ferri e uncinetto. E gli stilisti lanciano la moda del "fatto a mano"...


Volete un passatempo piacevole e modaiolo? Datevi alla maglia. Proprio così. La nuova tendenza arriva dall'America e più preci­samente da New York, dove sono sorti numerosissimi knit cafè. Punti di ritrovo per autentiche appassionate che si danno appuntamento in locali ultra chic per fare due chiacchiere e sfer­ruzzare insieme.
Una moda che oggi arriva, per non dire "torna", anche in Italia. Grazie al Naba, la Nuova accademia di belle arti, che ha deciso di portare i knit cafè a Milano organizzando incontri occasionali in luoghi glamour: il caffè design della Triennale, l'atelier di Vivienne Westwood, il bistrot del museo della Bovisa, quartiere ex degrada­to oggi di tendenza. Il riscontro è stato ampio ed entusiasta. Grazie anche a un bravo insegnante che ha aiutato le principianti a prendere confidenza con il kit da lavoro messo a disposizione dagli organizzatori. Roba da donnette d'altri tempi? Macché, persino un macho come Russell Crowe non ha esitato a farsi fotografare con i ferri in mano. E Julia Roberts è diventata un'au­tentica fanatica del tricot, felice di pre­parare il corredino per il prossimo fi­glio, dopo essersi esercitata per un paio d'anni con i gemelli Phinnaeus Walter e Hazel Patricia. L'attrice si è innamorata a tal punto della maglia da aver scelto un titolo alquanto eloquente per il film che segna il suo ritorno sugli schermi ame­ricani, previsto per la fine del 2007: The friday night knitting club. Fra i vip è una vera mania. Che ha contagiato Urna Thurman, Catherine Zeta-Jones, Sharon Stone, Madonna, Sarah Jessica Parker e Kate Moss.
Persino i fas­hion designer se ne sono accorti. E hanno inserito nelle loro collezioni capi fat­ti a maglia: i maglioni di Dolce & Gabbana, i cappelli di Burberry e Mare Jacobs, giusto per fare qualche esempio. La "knit tendenza" esce dai confini della mo­da e dell'hobby e si fa largo nel costume: in America i Knitta group, gruppi di "folli sferruzzatrici", ridecorano l'arredo urbano con capi creati appositamente da loro. A metà strada fra i fuori legge e i ladri di nanetti. da giardino, approfit­tano del buio per rivestire i piloni delle insegne stradali con completini tricot. Ma torniamo in Italia: per chi vuole imparare a sferruzzare l'appuntamento è a Firenze, in concomitanza con l'esposizione Pitti filati. Nell'area della stazione Leopolda dal 5 al 7 luglio si terrà il primo knit-out italiano, raduno di appassio­nati di maglia e uncinetto. (Info: www.do-knit-yourself.com, tel. 02973721).

Provato per voi
  • Racconto di una serata particolare

Venerdì sera, il Caffè design della Triennale di Milano è quanto mai affol­lato. E' in programma il primo incontro dei knit cafè. La folla è eterogenea. C'è Virginia, 22 anni, vuole imparare, ma parte da zero. «Non ci riuscirò mai!», continua a ripetere sconsolata. Per fortuna c'è Giuliano Marelli, lo stilista-insegnante che con infinita pazienza le spiega come mettere i pri­mi punti. La sua amica Carlotta, sua coetanea e compagna di studio ad Ar­chitettura, è più fortunata. «Mia madre è una vera esperta. Per questo ho già una certa familiarità. Perché voglio migliorare? Per rifare con le mie ma­ni la borsa a maglia di Ferragamo».
Cristina ha 30 anni e un lavoro da web designer: crea siti Internet. «Sono due mondi agli antipodi? Tutt'altro», spiega. «Per riuscire è necessaria tanta pazienza e una buona dose di creatività».
Fra un aperitivo e una cioccolata calda le chiacchiere diventano sempre più piacevoli e confidenziali. Si racconta la propria vita a perfette scono­sciute a cui, in altre occasioni, non si sarebbe nemmeno rivolta la parola. Nascono nuove amicizie. Come quella fra Laura e Bernadetta, che fra un ferro e l'altro confrontano il loro impegno di volontariato nell'Albo, l'asso­ciazioni che assiste i bambini ricoverati in ospedale. Eleonora e Stefania, laureate al Politecnico di Milano, hanno un unico so­gno nel cassetto: lavorare come cool hunter per un designer. E sferruzza­re è già un primo passo. Daniele, 35 anni, una laurea in architettura, è l'ul­timo ad arrivare. Si vede che è un po' a disagio. E' l'unico uomo, lo notano tutti. In pochi minuti si ritrova accerchiato da dieci donne, sotto lo sguar­do indulgente di Leda, la sua fidanzata, che lo guarda protettiva. E io pen­so: "Be', è carino. Quasi come Russell Crowe".


Aggiungi ai preferiti (1290) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 12926 | Stampa

Lascia il primo commento!
Solo gli Utenti Registrati possono scrivere commenti.
Effettua il Login o Registrati.

Powered by AkoComment Tweaked Special Edition v.1.4.6
AkoComment © Copyright by Arthur Konze
All rights reserved