Let's Blog!

Visitatori Totali

dal 01.Gen.2007
Data: 31.Oct.2020
Visitatori: 130.760.518

Chi è online

Abbiamo 15 visitatori online
unfilodi su ravelry

Calcolatori Knitting Online

Lucia Liljegren
Knitting Calculators by Lucia Liljegren

Knitting Daily
Waist Shaping by Knitting Daily

RubaBottoni

rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
vintage-blogs
Gelosia e Tradimento PDF Stampa E-mail
Scritto da Wendy   
sabato 01 novembre 2008
mai sposare un marinaiodopo lunga assenza,
torna il Diario di Bordo di Wendy.
..

Vorrei parlare di gelosia e tradimento.
 
Su questo argomento, tanto di moda oggi, vorrei dire, tra le idee degli altri, anche la mia: una donna gelosa, che sa di esserlo per temperamento, non deve sposare un marinaio.

I marinai sono gli uomini  più attaccati alla famiglia, la loro moglie è veramente il faro verso cui convergono tutti i loro pensieri, la donna e i fli che sono a casa. Casa... casa... come E.T..

Mio marito era un marinaio, innamorato fino all'ultimo giorno della sua vita, i suoi occhi si sono chiusi guardando i miei, sorridendo.

Ma era anche un uomo che non aveva fatto voto di castità, aveva un carattere allegro, passionale, esuberante.

I suoi viaggi duravano mesi e mesi, una volta il contratto l'ha tenuto lontano quasi due anni: Vancouver-Nuova Zelanda.

Potevo pensare o pretendere che non avesse contatti con altre donne? Ma dài, assurdo, innaturale.

Quando capitava uno di quegli incontri particolari (si può parlare di tradimento?) mi mandava tramite "Interflora" una rosa rossa che io conservavo per qualche giorno, fino al suo appassire.

Tanto la durata di una fiammata.

Già sento qualche voce indignata, e tu? Anche tu, donna, non avevi fatto voto di castità.

E' vero, ma come donna non ho mai trovato il sesso come svago, come donna per fare sesso -a mio vedere- ci vuole amore, e quello per mio marito e i miei figli compensava la vicinanza materiale di mio marito, l'intesa amorosa riempiva la mia giornata, oltre la cura attenta dei tre figli.

Scrivevo lunghe lettere raccontando di quanto era avvenuto, dei programmi di scuola e dei problemi che si presentavano di volta in volta, e i ragazzi, che partecipavano a queste scritture, si raccomandavano che spiegassi al papy quanto gli insegnanti fossero contenti della loro partecipazione scolastica, di modo che, veramente, c'era una unione familiare, e non hanno mai risentito della lontanaza del padre, perchè lo facevo sentire presente, era presente.

Nelle sue lunghissime risposte il dialogo continuava, e c'era approvazione o disappunto per qualche cosa su cui dissentiva.

Le leggevo, le lettere del marinaio, ad alta voce, quando eravamo riuniti a tavola.

Di un uomo così, si può dire che tradisse la moglie, per una svirgolata ogni tanto, magari dopo giorni e giorni, dopo una tempesta da spezzare i nervi?

Nelle nostre lettere si parlava di tutto, di libri, delle spese familiari, dei problemi di condominio, delle vaccinazioni da fare o no.

Conoscevamo a fondo i nostri pensieri più di quanto si conoscano due persone che vivono quotidianamente vicine.

Le conservo quelle lettere, le sue e le mie in un bauletto, perchè anche lui  teneva in gran conto le mie e col bagaglio se le riportava a casa, e ridevamo insieme rileggendole..

Il ritorno a casa era sempre una gran festa: in qualsiasi momento dell'anno avvenisse, per me e i ragazzi era sempre Natale o Pasqua o, semplicemente, il papà a casa.

Le vacanze insieme, a casa, in montagna, al mare, riempivano tutti vuoti precedenti.

Mai, mai davvero uno screzio sulla gelosia, perchè alla base fondamentale c'era amore e rispetto.


Aggiungi ai preferiti (469) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 4714 | Stampa

Commenti (3)
1. 28-02-2009 17:14
il marinaio vive...
... dedicato al Comandante, "Re delle Freccette ed Imperatore del Tersilio", come è scritto sulla targhetta che uno dei suoi tre figli ha posto sulla sua cassettina, dopo che ha salpato l'ancora per il Mare della Tranquillità.
Registrato
admin
2. 28-02-2009 17:13
a proposito di tradimenti e naviganti...
Solo un appunto qui e poi sposto nel forum questo argomento -gelosia e tradimento- che penso sia un interessante spunto di conversazione.  
Ritengo meno grave che il mio partner mi tradisca con una persona in carne ed ossa che con una referente virtuale, navigando in internet. Penso che il traditore virtuale sia meschino e subdolo, privo di coraggio (per non dire di altro) ed incapace di relazionarsi col mondo reale. 
Non regalerà  mai una rosa per la sua scappatella, perché non la sente tale.  
Per quanto mi riguarda il risultato finale è lo stesso. 
Sono per la legge del taglione... 
Adesso voglio sentire i vostri pareri qui .
Registrato
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
3. 28-02-2009 17:09
a proposito di tradimenti e naviganti...
io sono stata tradita, :cry ma contemporaneamente ho tradito quando mi sono accorta che non avevo più le sue coccole. Poi è tornato piangendo, ma io non ho mai confessato il mio di tradimento che è durato un bel pò :grin : Ora siamo tornati ad essere la coppia che si divertiva, si prendeva in giro e ci si coccola. Non mi sono pentita. Ciao.
Registrato
pattyalba
Solo gli Utenti Registrati possono scrivere commenti.
Effettua il Login o Registrati.

Powered by AkoComment Tweaked Special Edition v.1.4.6
AkoComment © Copyright by Arthur Konze
All rights reserved