Let's Blog!

Visitatori Totali

dal 01.Gen.2007
Data: 08.Dec.2019
Visitatori: 123.162.480

Chi Ŕ online

Abbiamo 8 visitatori online
unfilodi su ravelry

Calcolatori Knitting Online

Lucia Liljegren
Knitting Calculators by Lucia Liljegren

Knitting Daily
Waist Shaping by Knitting Daily

RubaBottoni

rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
vintage-blogs
Il mare d'inverno PDF Stampa E-mail
Scritto da Maria Luisa   
mercoledý 30 ottobre 2013
Luisa al mare - Nervi, febbraio 1959 Credo di non aver mai amato -e al contempo odiato- il mare come d'inverno.

Il suo moto sempre agitato, i gabbiani che beccano tra i granchietti e le pietruzze sulle spiagge vuote, i pescatori che (lo fanno ancora?) regalavano ai bambini le conchiglie e le stelle marine rimaste impigliate nelle reti, il suo profumo... E' soprattutto quello che mi sembra di sentire.

E sento ancora quel sottile dispiacere, quando il mo papà, dopo aver accompagnato me e la mamma a Nervi, doveva tornare in ufficio, e ci lasciava lì, da sole. Al mare ci stavamo praticamente tutto l'inverno e lui veniva ogni fine settimana a trovarci.

Luisa al mare - Nervi, febbraio 1959 Ma la settimana sembrava così lunga da passare senza di lui. Dalla mia camera vedevo il mare e anche il porto di Genova, le navi che entravano ed uscivano e sognavo che il mio papà scendesse da ogni nave che attraccava al porto per venire da me. Ma ero serena, sapevo che sarebbe ritornato.

Poi, tra gli scoiattolini ed i pavoni del Parco Secolare di Nervi, un incanto per gli appassionati di Botanica (ogni pianta aveva la targhetta con il suo nome e vedevo questa cosa come una forma di rispetto nei confronti della Natura) e sulla passeggiata a mare, con le scogliere ad un passo, le piante grasse che crescevano tra gli scogli, il sole e la luce all'orizzonte così chiara sul mare che te la sogni d'estate, passava in fretta la settimana.

Il marinaio - Angelo Branduardi - YouTube Quando arrivava il papà, la sera del sabato, prima di addormentarmi, mi racontava storie di marinai che partivano per le destinazioni più ignote, storie che ho poi riciclato per mio figlio. 

Aveva un grande dono il mio papà, sapeva narrare cose fantastiche e quasi tutte con il mare come protagonista. Non occorre essere uomo di mare per viaggiare, basta la fantasia...

Tutte le sue avventure erano belle da ascoltare. Avventure di terre lontane, esotiche, che mi affascinavano molto di più del lupo di Cappuccetto Rosso, della fiaba raccontata dalla mamma.

Luisa al mare - Nervi, febbraio 1959 Nei racconti del papà ci poteva pure entrare la tigre della Malesia a far scappare tal Africchi e tal Amoni, i due marinai protagonisti, che regolarmente venivano mandati dal comandante per punizione in cucina a pelar patate.

Storie anche di angiporto, e mi ci portava di domenica, vicino al porto di Genova, a vedere i marinai, non so quante volte ci sono ritornata poi da grande in via Prè a cercare la voce del mio papà...

Ma è lontana, racchiusa in una conchiglia, mi sembra di sentire il suono, ma è quello dei ricordi...

Ed in onore e in odore degli spruzzi salmastri sugli scogli, respirati a pieni polmoni e lo sguardo all'orizzonte in cerca di lui, dedico il WorkShop di Emma Fassio Il mare d'inverno del 16 novembre p.v. a quei tempi lontani, al mio papà, che ha reso possibili i miei sogni, anche se non è più con me e da anni lui naviga già lungo correnti che non porteranno ai miei fianchi il suo amore, mai più...


Aggiungi ai preferiti (307) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 2295 | Stampa

Commenti (1)
1. 31-10-2013 08:06
Che bei ricordi, che belle foto! Su queste foto si vede giÓ che sei tu, Luisa! 
Ciao, a presto. 
Nora
Registrato
Nora
Solo gli Utenti Registrati possono scrivere commenti.
Effettua il Login o Registrati.

Powered by AkoComment Tweaked Special Edition v.1.4.6
AkoComment © Copyright by Arthur Konze
All rights reserved