Let's Blog!

Visitatori Totali

dal 01.Gen.2007
Data: 02.Apr.2020
Visitatori: 125.193.179

Chi Ŕ online

Abbiamo 13 visitatori online
unfilodi su ravelry

Calcolatori Knitting Online

Lucia Liljegren
Knitting Calculators by Lucia Liljegren

Knitting Daily
Waist Shaping by Knitting Daily

RubaBottoni

rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
vintage-blogs
La Festa del Raccolto PDF Stampa E-mail
Scritto da Maria Luisa   
lunedý 13 luglio 2015
campi di granoSabato 25 luglio p.v., Valentina Cosciani terrà in Knit-House il WorkShop La Festa del Raccolto, nel quale presenterà il pattern omonimo.

Quello di Valentina sarà un capo dalla linea modernissima, particolare anche per i filati utilizzati.

E, a pensarci bene, il colore scelto per il pattern prototipo è come quello del grano...

La Festa del Raccolto è un momento simbolico e propiziatorio, nelle civiltà contadine, che riunisce il passato, il presente ed il futuro.

Equilibrio tra i propri bisogni e rispetto della Natura, come insegnano le rotazioni delle colture. Non si può solo pretendere, occorre dare respiro ai campi per avere un buon raccolto.

Per chi non lo sapesse, la Knit-House nacque sessant'anni fa (li porta bene!) proprio come granaio. Non c'erano pareti, all'interno, ma solo grano e famigliole di topolini.

la Knit-House Davanti ed intorno alla Knit-House c'erano campi, un viottolo portava a casa mia, poi il deserto dorato di spighe di grano e d'avena. E papaveri e fiordalisi e cascinotti, piccole casette nei campi, luoghi inquietanti per noi bambini, abitati da folletti e gnomi, chissà... Non ci era dato il permesso di entrare, lì dentro.

Mio papà possedeva parecchi terreni agricoli, che faceva coltivare ai contadini (visto che lui contadino non era) e, alla fine della mietitura, che cadeva di questi tempi, si divideva il raccolto, una parte del quale veniva portato anche in quella che ora è la Knit-House, prima di essere messo nei sacchi.

La distesa di chicchi era una meraviglia da attraversare a piedi nudi. Ci si sprofondava dentro, in quel lago dorato.

L'ultimo giorno del raccolto, la sera, si faceva una grande festa. Sull'aia si preparava una lunga tavolata, mentre noi bambini giocavamo tra i covoni, che erano la cosa più affascinante, per noi.

Quando arrivava quel giorno, le paure per la grandine e le piogge e i temporali ed il vento si scioglievano, in una serata piena di vino e di allegria.

Venivano anche gli amici di Trieste a festeggiare con noi. Com'è strana, la vita... Anche nella nostra Festa del Raccolto del 25 luglio verranno le amiche da quella città... Segni del destino o chicchi di grano da seguire, per arrivare fino qui.

Vi aspettiamo con lo stesso spirito agreste, per festeggiare il raccolto di Unfilodi e per ricordare che chi semina, miete... grano e non tempesta, come invece succede a chi semina vento (e la calunnia è un venticello mica da ridere!).

Sabato 25 luglio p.v., in Knit-House dalle 10,00 alle 18,00, WorkShop La Festa del Raccolto, con Valentina Cosciani.

Le iscrizioni online qui.

Onde evitare problemi e segnalazioni postume, ringrazio la fonte da cui ho preso l'immagine del grano, www.pugliaetmores.it. Pronta a falciarla, se richiesto.

Aggiungi ai preferiti (307) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 3373 | Stampa

Lascia il primo commento!
Solo gli Utenti Registrati possono scrivere commenti.
Effettua il Login o Registrati.

Powered by AkoComment Tweaked Special Edition v.1.4.6
AkoComment © Copyright by Arthur Konze
All rights reserved